it.detiradugi.com
Articoli Su Fitness E Il Corpo Umano


Acai fa male alla gastrite?

La gastrite è una condizione caratterizzata da infiammazione, erosione o infezione della parete dello stomaco. Una volta diagnosticata, richiede una certa cura da parte del paziente, che include i cambiamenti nel cibo.

Questo perché le persone che soffrono di gastrite hanno bisogno di stare lontano da prodotti che irritano ulteriormente lo stomaco o aumentano l'infiammazione del rivestimento dell'organo, come nel caso delle bevande acide e dei cibi ricchi di grassi, per esempio.

La bacca di acai è cattiva per la gastrite?

Per coloro che hanno ricevuto la notizia che hanno la condizione, può essere un po 'complicato sapere cosa è buono e cosa è male per la malattia. Ad esempio, la bacca di acai è cattiva per la gastrite?

Secondo la gastroenterologa Bethany Cavalcante, della Society of Gastroenterology, la risposta a questa domanda è positiva.

Secondo l'esperto, l'acai è dannoso per la gastrite perché è un alimento grasso e fermentato, che può aggravare l'infiammazione, che è caratteristica della condizione.

  • Vedi di più: Il grasso delle bacche di acai o perdere peso?

Altri esperti hanno anche spiegato che, come altri frutti ricchi di grassi, la bacca di acai è dannosa per le persone che soffrono di problemi digestivi, come la gastrite.

Frutta che può giovare al corpo di chi ha la gastrite

Se l'açai danneggia la gastrite, quali frutti possono invece essere usati? L'alternativa è frutta non acida, come mela, banana, pera, guava e papaya, così come i loro succhi.

Questo perché questi alimenti non causano aggressività allo stomaco. La raccomandazione è quella di consumare da quattro a cinque porzioni di questi frutti durante il giorno, suddivisi in pasti come colazione, spuntino mattutino, spuntino pomeridiano e cena.

Una porzione di frutta corrisponde a un'unità oa una fetta di questi alimenti.

Alimenti che dovrebbero essere evitati da chiunque sia stato diagnosticato con la gastrite

D'altra parte, ci sono altri alimenti, oltre agli açaí, che non sono i benvenuti nel menu dei pasti delle persone che soffrono di gastrite. Alcuni esempi di questi sono:

  • Latte con cioccolato;
  • Cioccolata calda al cacao;
  • Qualsiasi bevanda con caffeina;
  • Caffè decaffeinato;
  • Tè alla menta;
  • Tè nero;
  • Bevande alcoliche;
  • Succhi di agrumi;
  • Agrumi;
  • Pepe nero regno;
  • Semi di senape;
  • Noce moscata;
  • Cibo con coloranti e conservanti;
  • Gomma da masticare;
  • Peperoncino;
  • Latticini a base di latte intero;
  • cioccolato;
  • Formaggi piccanti o stagionati;
  • Salsicce come salame, salsiccia e mortadella;
  • salsiccia;
  • pancetta;
  • Carne rossa;
  • Altri cibi piccanti;
  • pomodori;
  • Alimenti trasformati e raffinati come pane, pasta, prodotti con zuccheri aggiunti, cibi con grassi trans, oli vegetali raffinati, cibi fritti e latticini pastorizzati;
  • Prodotti a base di pomodoro come salse di pomodoro, passata di pomodoro o succo di pomodoro.

Ulteriori informazioni sulla gastrite

La malattia può essere sviluppata in diversi modi. C'è gastrite acuta, che dura poco tempo e appare improvvisamente, e gastrite cronica, che dura per mesi o anni e si sviluppa gradualmente.

L'origine dello sviluppo della condizione può essere associata principalmente al batterio Helicobacter pylori, virus, parassiti, funghi, consumo di bevande alcoliche, uso di determinati tipi di farmaci o reflusso della bile nello stomaco.

Quando si sviluppa un'immagine di gastrite, ciò che accade è l'indebolimento della mucosa responsabile della protezione della parete dello stomaco. Di conseguenza, i succhi digestivi prodotti dall'organo danneggiano il proprio tessuto di rivestimento.

Secondo il Centro Medico dell'Università del Maryland negli Stati Uniti, i sintomi principali presentati dalle persone con la malattia sono: disturbi allo stomaco, indigestione, bruciore di stomaco, dolore addominale, singhiozzi, perdita di appetito, nausea, feci scure e vomito, che possono accompagnato da sangue o sostanza simile nell'aspetto ai fondi di caffè.

Quando si verificano questi sintomi, è fondamentale cercare aiuto dal medico di fiducia in modo che il medico possa esaminare e determinare se la condizione esiste o no. E una volta confermata la diagnosi, è importante che il paziente segua le istruzioni del medico riguardo al trattamento.

Più che sapere se l'açaí è dannoso per la gastrite, proprio come qualsiasi altro cibo peggiora o giova a un quadro della condizione, è sapere più ampiamente tutto ciò che deve essere fatto per trattare il problema, date le specificità del caso del paziente in questione .

Maggiori informazioni su açaí

L'açaí è un frutto della colorazione viola che proviene dall'açaizeira, una palma che si trova nella regione amazzonica del nostro paese. Con azione antiossidante e antinfiammatoria, il cibo fornisce 247 calorie per ogni porzione da 100 g.

Il frutto è anche fonte di nutrienti come proteine, grassi, carboidrati, fibre, potassio, calcio, ferro calcio, fosforo, vitamina B1 e vitamina C.

Vedi di più: Vantaggi Acai - Per ciò che serve e proprietà.

Inoltre, l'açaí è associato a benefici come abbassare il colesterolo cattivo, aiutare a prevenire l'aterosclerosi, rafforzare il sistema immunitario, migliorare la funzione intestinale e combattere l'anemia.


Il succo di melograno è sottile?  Vantaggi, modalità e suggerimenti

Il succo di melograno è sottile? Vantaggi, modalità e suggerimenti

Alcune persone ricordano solo il melograno alla fine dell'anno. Una delle "simpatie" per portare fortuna e prosperità per il prossimo anno è mangiare i dolci semi di melograno del melograno, tuttavia, il frutto aggiunge molti benefici precedentemente sconosciuti e scarsamente sfruttati, e lo si può consumare in molti altri modi, come nel succo di melograno, per esempio. B

(Cibo per la dieta)

Come fare l'olio di cocco a casa

Come fare l'olio di cocco a casa

Esistono diversi tipi di oli da cucina disponibili sul mercato, compreso l'olio di cocco, che si distingue come un tipo di olio che apporta numerosi benefici al nostro corpo. Tuttavia, trovare una varietà senza conservanti o sostanze inutili per la nostra salute può essere una sfida. Così tante persone sono venute alla ricerca di come produrre l'olio di cocco a casa e attenersi alla tecnica, che si rivela essere un processo più naturale senza l'uso di additivi chimici industriali e che spesso risulta essere un'attività piacevole. La

(Cibo per la dieta)