it.detiradugi.com
Articoli Su Fitness E Il Corpo Umano


Troppa Omega 3 fa male? Hai effetti collaterali?

Ad esempio, gli acidi grassi Omega 3 sono noti come grassi sani presenti nel pesce come il salmone. Il corpo umano è in grado di produrre molti grassi necessari, ma questo non è il caso di omega 3, che deve essere ingerito attraverso cibo o integratori.

Può essere indicato un maggiore apporto dietetico della sostanza per aiutare ad affrontare una serie di condizioni come: colesterolo alto, depressione, infiammazione, ansia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività, diabete, artrite, infertilità, malattia infiammatoria intestinale di Alzheimer, degenerazione maculare e problemi della pelle come la psoriasi e l'eczema.

Anche il supporto per la perdita di peso, una gravidanza sana, il recupero atletico e l'ispessimento delle unghie e dei capelli sono stati collegati all'omega 3.

D'altra parte, la carenza di omega-3, comune nei paesi industrializzati e le persone che consumano molti alimenti trasformati e oli idrogenati o seguire una dieta vegetariana o vegana, causa problemi come scarsa memoria, pelle secca, problemi cardiaci, cambiamenti di umore, dolore articolare e malattia autoimmune.

Per non parlare del fatto che un sondaggio condotto presso l'Università di Harvard ha indicato ufficialmente la carenza di sostanza tra le prime 10 cause di decesso negli Stati Uniti.

Ma è troppo omega 3 cattiva?

Non esiste un valore giornaliero raccomandato per l'assunzione di omega 3, tuttavia, il tasso di assunzione appropriato della sostanza per gli uomini è di 1, 6 g al giorno e per le donne è di 1, 1 g al giorno. Stiamo parlando di grammi di omega 3, infatti, principio attivo, non i grammi di olio che contiene omega 3.

Ma è che superando questo limite e ingerendo, attraverso il cibo e / o gli integratori, troppo omega 3 danneggia?

L'olio di pesce è una forma concentrata di omega 3, che è stata collegata al cancro da una ricerca nel 2013.

Lo studio in questione è stato pubblicato sul Journal of National Cancer Institute e ha dimostrato che gli uomini che hanno consumato la maggior quantità di olio di pesce avevano il 71% in più di possibilità di avere il cancro alla prostata e un aumento del 43 per cento delle possibilità di sviluppare tutti i tipi di cancro alla prostata, ha detto il sito.

Vale anche la pena notare che, secondo la pubblicazione, il sondaggio è stato condotto con 2.227 uomini, di cui il 38% aveva già il cancro alla prostata.

Theodore Brasky, ricercatore del Medical Center dell'Ohio State University negli Stati Uniti, considera i casi di uomini che consumano mega dosi di integratori di olio di pesce un po 'pericolosi, cioè, crede che, in eccesso, omega 3 faccia il male.

La maggior parte dei medici crede che più di 2g al giorno di omega-3 siano una mega dose, mentre l'American Heart Association comprende che consumare fino a 3g di olio di pesce al giorno è sicuro, ma consiglia che i pazienti prendano solo più 3 g di omega 3 per mezzo di capsule se contano sull'accompagnamento del medico.

La questione dell'equilibrio tra omega 3 e omega 6

Per il dottor Axe, non dovresti interrompere l'assunzione di olio di pesce a causa dello studio, tuttavia, è necessario stare attenti con il dosaggio giornaliero del supplemento e del marchio che lo produce.

La pagina ha inoltre avvertito che il motivo per cui l'olio di pesce può aumentare le probabilità di sviluppare un cancro alla prostata è lo squilibrio - il sistema immunitario non funziona molto bene quando la dieta è eccessiva in omega 3 perché il corpo ha bisogno di entrambi omega 3 come omega 6.

Mentre omega 3 sopprime l'infiammazione, l'omega 6 promuove l'infiammazione, che, stranamente, aiuta il sistema di difesa naturale del corpo per quanto riguarda l'attivazione dei globuli bianchi.

I globuli bianchi sono importanti per il nostro corpo perché aiutano a combattere le infezioni attaccando batteri, virus e germi che invadono il corpo.

Pertanto, si comprende che il consumo di troppo omega 3 può indebolire il sistema immunitario e favorire la comparsa del cancro. Si consiglia di fare attenzione a non esagerare il consumo di qualsiasi tipo di integratore, incluso quello di olio di pesce.

Pericolo di sanguinamento

Un altro caso in cui gli omega-3 sono troppo gravi è in relazione al sanguinamento, poiché alte dosi della sostanza possono aumentare il rischio di sanguinamento. Pertanto, le persone che soffrono di disturbi emorragici, hanno lividi facilmente o prendono farmaci per fluidificare il sangue dovrebbero fare attenzione quando usano integratori di omega 3.

Tuttavia, vale la pena notare che questo rischio colpisce anche le persone che non hanno precedenti di disturbi emorragici o che non usano il rimedio sopra elencato.

diabete

Le persone con diagnosi di diabete dovrebbero usare solo integratori di olio di pesce contando sulla supervisione del loro medico perché possono soffrire di elevati livelli di zucchero nel sangue a digiuno quando usano il prodotto.

L'omega 3 è dannosa per il fegato?

Secondo il nutrizionista olistico e consulente per la salute, Maura Shekner, quando parliamo di malattia del fegato grasso, l'omega 3 può anche essere utile per il trattamento.

Secondo lei, uno studio del 2009 pubblicato sul Journal of the Federation of American Societies for Experimental Biology ha identificato che l'omega 3 ha due sostanze - chiamate resolvins e protette - che può ridurre l'infiammazione nel fegato grasso.

Ovviamente, per coloro che sono stati diagnosticati con la malattia, è fondamentale consultare il medico prima di consumare più omega 3 per aiutare la condizione e seguire tutte le raccomandazioni approvate dal professionista per quanto riguarda il trattamento.

Lo stesso vale per chiunque abbia qualche problema al fegato - consultare il medico prima di assumere l'integratore di omega 3 o qualsiasi altro integratore.

Effetti collaterali

L'olio di pesce può causare effetti collaterali come eruttazione, alitosi, bruciore di stomaco, nausea, feci molli, eruzioni cutanee e sangue dal naso. Tuttavia, l'assunzione di un integratore di olio di pesce di buona qualità riduce la probabilità che si verifichino queste reazioni.

Una dose giornaliera di 4 g di olio di pesce può causare reazioni come palpitazioni, disturbi o dolori allo stomaco, disagio al torace e gonfiore. È essenziale informare il medico se si soffre degli effetti collaterali del supplemento per conoscere il modo più sicuro per procedere.

Efficienza in discussione

In un articolo pubblicato sul blog sulla salute del sito web dell'Università di Harvard, il dott. Howard LeWine ha avvertito che nel maggio 2013 i ricercatori italiani hanno riferito nel New England Journal of Medicine che gli integratori di omega-3 non ha fatto nulla per ridurre problemi come infarto, ictus o malattie cardiache nelle persone che hanno avuto fattori di rischio per le malattie cardiache.

Con questo, diventa evidente la necessità di consultare sempre il medico prima di decidere di prendere l'integratore di omega 3 per assicurarsi che sia davvero buono per il tuo caso.

Inoltre, il medico ha anche spiegato che il consumo di dosi più elevate di omega 3 non significa che il corpo acquisisce una maggiore protezione contro le malattie. Tuttavia, LeWine ha finalizzato il suo articolo raccomandando che i lettori considerino il consumo di pesce e frutti di mare come parte di una dieta sana.

Ha sostenuto che non abbiamo bisogno solo del pesce omega 3 presente, ma anche di altri grassi, vitamine, minerali e molecole che trasportano, che non possono essere trovati negli integratori omega 3 che forniscono solo la sostanza.

Attenzione ai supplementi

Un altro consiglio è di parlare con il medico prima di prendere l'integratore di Omega 3 se la persona ha qualche tipo di problema o preoccupazione per la salute o sta prendendo medicine o altri integratori.

Lo stesso può essere fatto per le donne che sono incinte o che allattano, gli anziani, i bambini, gli adolescenti e coloro che hanno diagnosticato qualche tipo di malattia. Tuttavia, chiunque, anche gli adulti in perfetta salute, dovrebbe consultare il proprio medico prima di assumere integratori per scoprire il modo più sicuro per utilizzare il prodotto.

Pertanto, il medico può determinare, ad esempio, se l'integratore di omega-3 è sbagliato nell'interazione con un altro medicinale o integratore e che il suo uso non è controindicato e non causerà problemi di salute.

È particolarmente importante per chiunque sappia di avere allergie al pesce o alle vongole e ai molluschi, parli con il medico prima di usare il supplemento di olio di pesce.

Non comprare oli di pesce che hanno antiossidanti come l'astaxantina nella sua composizione, il che aiuta a evitare che diventi rancido (rovinato).

È anche importante evitare prodotti che contengano mercurio o altri contaminanti, preferendo marche che testano chiaramente per vedere se i loro integratori non sono infetti da queste sostanze.

Considerazioni finali

Per prima cosa, scegli una buona fonte di omega 3 se intendi usarla sotto forma di integratori. La scelta di prodotti economici poco costosi può essere rischiosa in quanto potrebbe non avere la quantità desiderata di omega 3, potrebbe contenere troppa mercurio e altri contaminanti e l'omega 3 stessa potrebbe essere di scarsa qualità.

Per quanto riguarda la quantità, guarda l'etichetta del supplemento che equivale alla porzione di capsule in termini di omega 3. Per questo potresti dover sommare le quantità di EPA e DHA elencate. Generalmente, in una porzione di 2 capsule (di 1 g di olio di pesce ciascuna) ci sono 600 mg di omega 3.

Molti professionisti che sono abbastanza pro-omega 3 raccomandano da 3 a 6 capsule al giorno. Questo dà meno di 2 grammi al giorno e nei limiti sopra indicati.

il video:

Allora, ti sono piaciuti i suggerimenti?


Il maltitolo significa?  Cos'è e Effetti collaterali

Il maltitolo significa? Cos'è e Effetti collaterali

L'uso di additivi alimentari da parte dell'industria è una pratica molto diffusa al giorno d'oggi, soprattutto a causa della grande domanda di alimenti sul mercato. Questi additivi hanno la funzione di migliorare l'aspetto dei prodotti, migliorando la consistenza, il sapore, l'aroma e contribuiscono anche ad aumentare la durata di conservazione dei prodotti disponibili.

(Perdita di peso)

Grasso dell'olio di fegato di merluzzo o perdita di peso?

Grasso dell'olio di fegato di merluzzo o perdita di peso?

L'olio di fegato di merluzzo è una sostanza ricca di vitamina A e vitamina D e può essere usato per trattare problemi di salute come il colesterolo alto, i trigliceridi alti e la malattia del fegato. reni associati a diabete, ipertensione, malattie cardiache, artrosi (malattia articolare degenerativa), depressione, lupus eritematoso sistemico (LES), glaucoma, otite media dell'orecchio e piaghe della pelle.

(Perdita di peso)