it.detiradugi.com
Articoli Su Fitness E Il Corpo Umano


Omocisteina bassa o alta - Che cos'è, esame e trattamento

L'omocisteina è un amminoacido naturalmente presente nel nostro corpo a causa di una serie di processi metabolici. Non è possibile ottenerlo dal mangime, poiché l'omocisteina è prodotta da un altro amminoacido, la metionina.

Livelli alterati di omocisteina nel sangue sono associati ad un aumentato rischio di infarto, ictus, aterosclerosi e persino di Alzheimer.

Scopri di più su cosa significa un risultato del test di omocisteina basso o alto e apprendi come ripristinare i normali livelli di omocisteina nel sangue.

Cos'è l'omocisteina?

Tutta la concentrazione di omocisteina nel nostro corpo è prodotta dalla metionina, un amminoacido presente nella carne rossa, nei frutti di mare, nei latticini e nelle uova.

Attraverso l'azione della vitamina B6, l'omocisteina viene trasformata in cisteina (un altro amminoacido), oppure può essere riconvertita in metionina con l'aiuto di folato e vitamina B12.

La cisteina svolge un ruolo importante nel corpo, il principale è il mantenimento della forma e del legame cellulare, così come il metabolismo di diversi metalli (come rame, zinco e ferro).

Più recentemente, è stato anche scoperto che la cisteina ha attività antiossidante e ipoglicemizzante.

Esame dell'omocisteina

Il medico può ordinare un esame di omocisteina quando c'è una storia familiare di complicanze cardiovascolari o se il paziente è nelle prime fasi della malattia cardiaca.

I livelli di omocisteina nella circolazione aumentano durante la vita adulta e tendono ad essere più alti tra gli uomini. In generale, la quantità di omocisteina presente nel siero del sangue di una persona è direttamente influenzata dal tipo di dieta e dalla storia familiare.

L'omocisteina è considerata normale quando i livelli di amminoacidi sono compresi tra 4 e 15 micromol / L (μmol / l). La bassa omocisteina è determinata da valori inferiori a 4 micromoli / L.

A sua volta, l'alta omocisteina è caratterizzata da valori di amminoacidi superiori a 15 micromoli / L.

Omocisteina alta

Questo è il cambiamento più comune nel test dell'omocisteina e si verifica quando l'omocisteina non può essere convertita in cisteina o non può essere invertita in metionina.

L'alta omocisteina non causa sintomi apparenti. Cioè, non "senti" di avere un'alta omocisteina, ma questo cambiamento nell'esame può portare a una serie di complicazioni:

  • Quando alti livelli di omocisteina si accumulano nel sangue, le pareti interne dei vasi sanguigni possono essere danneggiate. Questo effetto può causare la formazione di coaguli di sangue e aumentare il rischio di aterosclerosi (blocco parziale o totale delle arterie);
  • Esiste una relazione tra i livelli di omocisteina e le dimensioni delle arterie carotidi che forniscono sangue al cervello. In generale, maggiore è la concentrazione dell'aminoacido nella circolazione, minore è il diametro dell'arteria. Questo si traduce in una carenza nella fornitura di ossigeno e sostanze nutritive ai neuroni. In altre parole: maggiore rischio di ictus;
  • La causa non è ancora nota, ma gli scienziati hanno notato che esiste un legame tra l'alta omocisteina e un aumentato rischio di fratture ossee, soprattutto negli anziani;
  • L'Alzheimer e altri tipi di demenza sono più comuni nelle persone con omocisteina alta nel sangue;
  • Secondo almeno due studi diversi, l'emicrania è correlata all'elevata omocisteina;
  • L'alta omocisteina è anche legata alla perdita dell'udito, alla degenerazione maculare e all'artrite reumatoide;
  • Secondo una rassegna scientifica di 26 studi pubblicati nel Mayo Clinic Proceedings Journal, per ogni 5 punti di elevazione nella concentrazione di omocisteina nel sangue, c'è un aumento del 20% nel rischio di sviluppare malattia coronarica.

Cause di alta omocisteina

Tra le principali cause dell'elevata omocisteina vi sono carenze di acido folico, vitamina B6 e vitamina B12. Ciò è spiegato dal fatto che, come abbiamo visto in precedenza, queste vitamine agiscono come regolatori della concentrazione di omocisteina nella circolazione.

Alcune malattie possono anche causare un'elevata omocisteina. Sono omocistinuria (eccesso di omocisteina nel sangue), malattia renale, ipotiroidismo, alcuni tipi di cancro (come il seno e il colon-retto) e l'Alzheimer.

Altri fattori di rischio per l'alta omocisteina sono età, sesso, consumo di alcol e assunzione eccessiva di carne rossa.

Omocisteina bassa

Un esame con valori inferiori a 4 micromol / L è indicativo di una bassa omocisteina. Sebbene alti livelli di aminoacido siano associati ad un aumentato rischio di complicanze cardiache, anche una grave carenza di omocisteina richiede attenzione.

La riduzione dell'omocisteina provoca una diminuzione della disponibilità di cisteina. Di conseguenza, c'è una limitazione nella produzione di solfato, taurina e glutatione.

Le persone con bassa omocisteina hanno meno possibilità di combattere lo stress ossidativo (a causa dell'interferenza con la produzione di glutatione, un potente antiossidante) e danno da esposizione a certe tossine.

Cause di omocisteina bassa

Le basse concentrazioni di omocisteina nel sangue possono essere causate dall'uso di farmaci come antibiotici, anticonvulsivanti, tamoxifene e pillole anticoncezionali.

Più comunemente, la caduta è il risultato dell'uso di supplementi di vitamine del gruppo B o di acido folico (quest'ultimo regolarmente prescritto per le donne incinte).

Come abbassare l'alta omocisteina?

Il trattamento per l'alta omocisteina consiste nel modificare lo stile di vita e la dieta. In alcuni casi specifici, il medico può prescrivere integratori per stabilizzare i tassi di omocisteina in circolazione.

  • Cambiamenti nel cibo : è importante ridurre il consumo di carne rossa, aumentando nel contempo l'assunzione di cibi ricchi di B12, B6 e folati. Fegato, salmone, tuorli d'uovo, semi di zucca, prugne, fagioli, lenticchie e spinaci sono tutti alimenti che possono aiutare a ridurre i livelli di omocisteina;
  • Abitudini : ridurre il consumo di caffeina, bevande alcoliche, smettere di fumare, praticare attività fisica e abbassare il peso (l'obesità è associata all'elevata omocisteina) sono atteggiamenti che possono aiutare a ridurre l'omocisteina;
  • Supplementi : il tipo e il dosaggio degli integratori per ridurre l'omocisteina devono essere seguiti da un consiglio medico. Nei casi in cui i cambiamenti dietetici non sono stati sufficienti a riequilibrare i tassi di omocisteina, il medico può suggerire l'uso di omega-3, taurina, acido folico, vitamina B6 e vitamina B12.

È importante notare, tuttavia, che i medici non raccomandano l'uso di vitamine o altri supplementi per ridurre l'omocisteina come mezzo per prevenire le malattie cardiache.

Trattamento per omocisteina bassa

Quando alla persona viene diagnosticata una bassa omocisteina in circolazione, il sistema immunitario finisce per avere difficoltà a rispondere adeguatamente allo stress ossidativo.

D'altra parte, è importante ricordare che solo il medico può determinare se il tuo caso richiede un trattamento per la bassa omocisteina.

Se si - cioè, dove è davvero necessario aumentare l'omocisteina - il trattamento consiste di:

  • Ridurre l'assunzione di vitamine B6 e B12 : mentre la vitamina B6 è presente in cereali e cereali, la vitamina B6 si trova principalmente nella carne e nei latticini;
  • Diminuire il consumo di alimenti ricchi di folato : spinaci, lenticchie, avocado, lattuga.

Ulteriori riferimenti:


La mancanza di acido folico - sintomi, cause, fonti e suggerimenti

La mancanza di acido folico - sintomi, cause, fonti e suggerimenti

L'acido folico, noto anche come acido folico, è un tipo di complesso di vitamina B che aiuta nella riparazione e produzione del DNA e nella produzione di nuove cellule come i globuli rossi (RBC), che sono necessari per il trasporto di ossigeno attraverso il corpo . Se non hai abbastanza globuli rossi, potresti avere un rischio più elevato di sviluppare anemia.

(integratori)

Studi collegano l'ibuprofene e altri analgesici all'arresto cardiaco

Studi collegano l'ibuprofene e altri analgesici all'arresto cardiaco

L'ibuprofene e altri comuni analgesici sono collegati ad un aumentato rischio di arresto cardiaco, secondo un nuovo studio danese pubblicato sull'European Heart Journal-Cardiovascular Pharmacotherapy . Gli autori dicono che questi farmaci dovrebbero essere usati con cautela e che le persone con problemi cardiaci potrebbero volerli evitare

(integratori)