it.detiradugi.com
Articoli Su Fitness E Il Corpo Umano


Dieta per chi ha la cistifellea - Cibo e suggerimenti

La vescica è un organo che ha la forma di una pera e si trova sotto il fegato e sul lato destro dell'addome. Considerata parte del tratto biliare, la sua funzione principale è quella di immagazzinare e concentrare la bile, un enzima digestivo giallastro prodotto dal fegato.

L'organo funge da riserva di bile quando la sostanza non viene utilizzata per la digestione. Già quando il cibo penetra nell'intestino tenue, viene rilasciato un ormone, noto con il nome di colecistochinina, che segnala al fiele che dovrebbe contrarre ed eliminare la bile nell'intestino tenue.

La bile è un enzima che aiuta il processo di digestione perché funziona sulla scomposizione dei grassi. Inoltre, drena i rifiuti prodotti dal fegato al duodeno, che è una parte dell'intestino tenue.

I sali in eccesso della bile, la bilirubina (sostanza arancione che viene prodotta quando il fegato scompone i vecchi globuli rossi) o il colesterolo possono innescare lo sviluppo di calcoli biliari, che sono depositi piccoli e duri che si formano quando la bile immagazzinata cristallizza.

La rimozione chirurgica della cistifellea - chiamata anche colecistectomia - è precisamente la forma più comune di trattamento per i calcoli biliari.

La Mayo Clinic, un servizio medico e un'organizzazione di ricerca medico-ospedaliera, ha dichiarato che la colecistectomia è considerata un intervento chirurgico comune che può essere necessario quando una persona avverte dolori derivanti da calcoli biliari che bloccano il flusso della bile.

La procedura può essere raccomandata dal medico in caso di colelitiasi (calcoli biliari nella colecisti), coledocolitiasi (calcoli biliari nel dotto biliare), colecistite (infiammazione nella cistifellea) e pancreatite (infiammazione nel pancreas) dovuta a calcoli biliari.

La dieta per chi ha preso la cistifellea

Ogni intervento chirurgico richiede le tue cure specifiche, che possono includere precauzioni da adottare in relazione al cibo. E questo non è diverso quando parliamo di colecistectomia.

Secondo la Mayo Clinic, il chirurgo può raccomandare al suo paziente di non mangiare nulla la sera prima della procedura. La persona può prendere un po 'd'acqua insieme ai loro farmaci, tuttavia, dovrebbe evitare di mangiare e bere almeno quattro ore prima dell'intervento chirurgico, ha detto l'organizzazione.

Il medico può anche chiedere al paziente di interrompere l'assunzione di alcuni dei farmaci e integratori che usa se possono aumentare il rischio di sanguinamento, ha detto la Mayo Clinic. Da qui l'importanza di informare il professionista su tutti i medicinali e gli integratori che usi.

Ma cosa mangiare dopo aver rimosso la cistifellea? Secondo la nutrizionista Laura Jeffers della Cleveland Clinic, per i primi giorni dopo l'intervento la raccomandazione è che la persona inizi con liquidi, brodi e gelatine, e poi gradualmente aggiunga cibi più solidi alla dieta.

Secondo Jeffers, è importante che il paziente aggiunga lentamente piccole quantità di cibo alla dieta perché farlo molto rapidamente può causare diarrea, coliche e gonfiore.

A sua volta, non c'è dieta per coloro che hanno rimosso la cistifellea specifica. Questo perché le linee guida dietetiche dopo l'intervento variano da paziente a paziente.

Tuttavia, alcuni punti dovrebbero essere considerati. Ad esempio, dopo la colecistectomia il paziente può soffrire di diarrea. Questo perché quando la cistifellea viene rimossa, la bile diventa meno concentrata e drena più continuamente nell'intestino, che può avere un effetto lassativo.

I grassi

La quantità di grassi che una persona consuma può anche influenzare il problema della diarrea. Questo perché mentre quantità minori di grassi sono più facili da digerire, quantità maggiori che rimangono non digerite possono causare gas, gonfiore e diarrea.

Per minimizzare i problemi di diarrea dopo colecistectomia, una raccomandazione è quella di gestire il contenuto di grassi nei pasti. Si consiglia di evitare cibi ad alto contenuto di grassi, cibi fritti e cibi grassi nella dieta per coloro che hanno preso la cistifellea per almeno una settimana dopo la procedura.

La linea guida è quella di scegliere cibi privi di grassi o con pochi grassi, che sono quelli che hanno meno di 3 g di grassi per porzione.

Consumare più fibre

Un altro consiglio per combattere la diarrea dopo l'intervento chirurgico di rimozione della cistifellea è quello di aumentare il contenuto di fibre nella dieta, che può aiutare a normalizzare i movimenti intestinali.

Ad esempio, si dovrebbero aggiungere fonti alimentari di fibre solubili come l'avena e l'orzo. Altri esempi di alimenti con fibre solubili sono: segale, frutta, verdura, fagioli e fagioli.

Tuttavia, l'aumento dell'ingestione di fibre alimentari dovrebbe avvenire lentamente, aumentando nel corso delle settimane, poiché una grande quantità di nutrienti potrebbe aggravare problemi come gas e coliche.

La nutrizionista Laura Jeffers della Cleveland Clinic ha anche raccomandato che il processo di reintroduzione di alimenti ricchi di fibre come pane integrale, noci, verdure, semi, broccoli, cavolfiori, cavoletti di Bruxelles, cavoli e cereali, lento.

Inoltre, è importante consumare una buona quantità di acqua durante il giorno per tenere traccia dell'assunzione di alimenti che fungono da fonte di fibre.

Le fibre richiedono acqua per passare attraverso il sistema digestivo e formare feci, e quando una persona consuma più fibre ma non ingerisce una quantità sufficiente di acqua, può verificarsi un peggioramento di un intestino bloccato e può ancora soffrire di dolore addominale .

L'assunzione di fibre senza la presenza di acqua può causare secchezza dell'intestino.

Alimenti da evitare

Un'altra raccomandazione di dieta per coloro che hanno preso la cistifellea è di evitare il consumo di prodotti a base di caffeina, cibi molto dolci e latticini perché tendono a peggiorare la diarrea che si può osservare dopo la rimozione della cistifellea.

La nutrizionista Laura Jeffers ha detto che consiglia i suoi pazienti con colecistectomia per evitare cibi con odori forti e cibi che causano gas.

L'orientamento di Jeffers è che fanno pasti più frequenti, ma con porzioni più piccole. Ha inoltre avvertito che la scelta sbagliata del cibo dopo l'intervento chirurgico di rimozione della cistifellea può indurre dolore, gonfiore e diarrea.

Per combattere il disagio gastrointestinale, il tuo consiglio è di evitare articoli come patatine, carni grasse come salsicce, latticini ad alto contenuto di grassi come gelato, formaggio e latte intero, pizza, lardo, burro, salse e zuppe cremose, brodi di carne, oli come olio di cocco e olio di palma, pelle di pollo o carne di tacchino e cibi piccanti.

cura

Se la diarrea non diminuisce o diventa più grave o il paziente perde peso e inizia a indebolirsi, l'orientamento è di cercare il medico, che può prescrivere farmaci e / o multivitaminico per il paziente.

Entro un mese, la maggior parte dei pazienti sottoposti a rimozione della cistifellea può tornare a una dieta regolare (tenendo conto delle raccomandazioni specifiche del caso).

Tuttavia, è necessario tenere gli occhi aperti e informare il medico se si verificano sintomi come dolore addominale persistente, grave o in peggioramento, nausea o vomito grave, ittero (ingiallimento degli occhi, delle mucose e della pelle), assenza di movimenti intestinali per più di tre giorni dopo l'intervento, incapacità di rilasciare gas per più di tre giorni dopo la procedura e diarrea che dura più di tre giorni dopo l'intervento.

Considerazioni importanti

Quello che abbiamo qui è un'informazione generale su come la dieta per chi ha preso la cistifellea può funzionare.

Ricorda che tutte le domande che hai su cosa mangiare dopo aver preso la cistifellea devono essere assunte dal medico e che devi seguire tutte le istruzioni che ha passato per l'intero periodo prima e l'intervento chirurgico, che include come dovrebbe funzionare la dieta in modo che tutto avvenga in sicurezza.

Riferimenti aggiuntivi:


Come preparare deliziosi semi di zucca Toast per Snack

Come preparare deliziosi semi di zucca Toast per Snack

Prima di buttar via nella spazzatura, usa i semi di zucca per fare uno spuntino salutare per la tua vita quotidiana! Ricco di steroli vegetali e sostanze fitochimiche, i semi di zucca aiutano a ridurre il colesterolo e promuovono anche una buona salute della prostata. Inoltre, sono anche una buona fonte di proteine ​​e fibre, rendendolo un ottimo snack se stai cercando di perdere peso. Ve

(dieta)

8 ricette di biscotti di melanzane al forno

8 ricette di biscotti di melanzane al forno

La melanzana è uno degli ortaggi più nutrienti per il consumo e può essere preparata in una grande varietà di modi, arrostiti, bolliti, brasati, saltati, tranne quelli crudi, in quanto possono essere tossici. Ha eccellenti quantità di minerali, vitamine e sostanze antiossidanti. È una verdura a basso contenuto calorico, perché 100 grammi di melanzana hanno solo 20 calorie, essendo un aiuto per il dimagrimento. La me

(dieta)